S-nodi | Comunità che innovano: una Full immersion nell’innovazione sociale per i giovani
S-nodi | Comunità che innovano: una Full immersion nell’innovazione sociale per i giovani
6724
post-template-default,single,single-post,postid-6724,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-theme-ver-9.2,wpb-js-composer js-comp-ver-4.11.2.1,vc_responsive
 

Comunità che innovano: una Full immersion nell’innovazione sociale per i giovani

Comunità che innovano: una Full immersion nell’innovazione sociale per i giovani

Condividi sui tuoi social!

Scoprire le nuove forme di riduzione della povertà attraverso esperienze full immersion di innovazione sociale in Italia e all’estero. È il cuore del programma Comunità che innovano, pensato da Caritas e altre organizzazioni impegnate sui progetti di lotta alla povertà e di sviluppo territoriale.

È un progetto nazionale, sostenuto dalla Compagnia di San Paolo, per il coinvolgimento e la formazione dei giovani alle nuove forme di intervento contro la povertà. Ha lo scopo di dare ai giovani gli strumenti per diventare attori dell’innovazione sociale, della cittadinanza attiva e dello sviluppo locale. Il progetto dura due anni, coinvolge circa 50 ragazzi ed è caratterizzato da: quattro visite studio in Italia, di tre giorni ciascuna nel primo anno di progetto, tre visite studio in Paesi europei, di 3 giorni ciascuna nel secondo anno di progetto; momenti di formazione sui temi dell’economia civile, l’analisi dei bisogni dei territori, l’attivazione delle comunità locali, narrazione e comunicazione dei progetti; stage in progetti sociali esistenti nel territorio di appartenenza; laboratori di arte-sociale a livello provinciale/regionale; elaborazione di proposte di azioni da parte dei giovani stessi e mentoring per lo sviluppo di tali azioni.

Comunità che innovano è destinato ai giovani tra i 18 e 25 anni interessati a operare nel settore sociale come volontari, cittadini, giovani imprenditori, operatori del terzo settore o del settore pubblico e Enti locali; e a partecipare al percorso formativo biennale proposto.

In Piemonte, chi è interessato al percorso formativo della durata di due anni, promosso dalle locali Caritas Diocesane di Torino, Biella e Saluzzo, deve presentare la propria candidatura entro il 10 maggio 2016 e rendersi disponibile per un colloquio di selezione nel territorio presso il quale si sceglie di seguire il progetto. I candidati devono impegnarsi a partecipare alle sette visite studio previste e alle attività di tirocinio proposte tra una visita studio e l’altra.

Approfondimenti
Comunità che innovano – il sito del progetto 


Condividi sui tuoi social!
No Comments

Post A Comment